Guida L'Aquila

L'Aquila

L'Aquila è uno dei capoluoghi di provincia più alti d'Italia, sorge infatti a 721 metri sopra un colle che domina una conca ben irrigata, chiusa a nord-ovest dal Gran Sasso. Per l'altitudine molto notevole e per la pittoresca corona di monti che la circondano ha un clima a carattere continentale.

La temperatura minima dei mesi invernali è di -16°, mentre la media estiva si mantiene intorno ai 22° C cioè come quella delle migliori stazioni climatiche. La piovosità media è di circa 690 mm.; massima in ottobre, minima in aprile. La fertile pianura aquilana è attraversata dal fiume Aterno che, biforcandosi in due rami, forma l'Isola del monte Cerro. L'Aterno è ritenuto il fiume più freddo d'Italia. Tra i laghi meritano particolare menzione il lago di Vetoio, il lago di S. Raniero, il laghetto di San Giovanni, il lago dì Lucoli, quello di Civita di Bagno ed inoltre le sorgenti di Tempera.

Il Gran Sasso d'Italia, la cui sommità misura 2914 metri, è l'unico massiccio degli Appennini che ha caratteristiche e strutture alpine. Esso offre ai numerosi sciatori, che accorrono da più parti d'Italia, la possibilità di percorrere a vertiginose velocità (da Novembre a Maggio), le piste ed i campi di neve, tra i più estesi e vari d'Europa. Per gli appassionati della montagna poi, esso si presta a numerose escursioni ed a tutti l'elioterapia dell'alta montagna. Giunti a 2200 metri, dopo un « volo senz'ali », si trova Campo Imperatore che ;>i raggiunge da Fonte Cerreto (m. 1106) per mezzo di una caratteristica funicolare lunga 3240 metri.

Castello dell'Aquila

Come arrivare a L'Aquila

  • Distanza dall'uscita autostradale A25 L'Aquila est km 1.

Palazzo del Comune de l'Aquila

Approfondimenti su L'Aquila

L'Aquila città

Itinerari L'Aquila

  • CHIESA DI S. SISTO
    Elementi (finestrelle) altomedioevali. Materiale di spoglio da Amiternum. Chiesa alto-medioevale eretta probabilmente nell'VIII sec., dipendeva dal monastero di Farfa.

  • CHIESA DI S. GIUSEPPE
    Qualche elemento romanico nelle murature, notevole il portale di raro slancio, alcuni tratti ricordano il gotico lancianese. Ex chiesa di S. Biagio, all'interno monumentale a Lalle Camponeschi, rinascimentale, di Gualtiero d'Alemagna, maestro tedesco autore del distrutto monumento Gaglioffi e forse di quello del Caldora a Badia Morronese (vedi Sulmona); datato 1432 echeggia i modelli funerari angioini in S. Chiara a Napoli . Sempre all'interno baldacchino per fonte battesimale opera di Silvestro dell'Aquila.

  • CHIESA DI S. MASSIMO
    Facciata neoclassica di G. B. Benedetti. Medioevale il fianco con pochi resti tra cui paraste e finestre strombate e paramento in pietra . All'interno altare maggiore di Mannella di Pescocostanzo e coro ligneo.

  • CHIESA DI S. GIUSTA
    Medioevale, dell'edificio originale restano la zona presbiteriale, le absidi del 1319 e la facciata del 1349, inoltre i piloni poligonali della navata destra e quelli dell'arco trionfale. Portale laterale ancorato a prototipi dei primi del '300. Portale della facciata forse coevo della stessa, rosone in gotico fiammeggiante con incorniciatura romanica e accenni di influenza pugliese nelle figurine . All'interno altare maggiore ligneo intagliato e dorato.

  • CHIESA DI S. MARIA DI PAGANICA
    Facciata medioevale del 1308, oltre alla base del campanile ed ai due portali laterali. Portale centrale con richiami atriani, laterale sinistro della fine del XIII secolo con elementi, anche se non forme, borgognone, portale laterale destro atriano legato alla tradizione romanica . Interni in un barocco eclettico di un certo rilievo, altare maggiore con quadri di Paolo Donti.

  • CHIESA DI S. MARCIANO
    Dell'edificio medioevale resta la facciata nella parte bassa ed il portale dei primi del '300 (forse dell'anno 1313) . Al'interno tele del Cesura e del Baldeschini.

  • CHIESA DI S.MARIA DI COLLEMAGGIO
    Facciata e struttura della fine del XIII sec., medioevale, decorativismo senese, elementi veneti e lombardi. Include il più bel portale abruzzese in gotico fiorito. Portali laterali del 1420-1430. Portale sul fianco del 1397. Abside centrale costolonata della metà del XIV secolo. All'interno affreschi del XV-XVI sec.

  • CHIESA DI S. ANTONIO
    Portale del 1308 con architrave che si richiama al S. Pietro ad Alba Fucens e all'ambone di Carsoli . Il resto della struttura ha elementi dell'inoltrato XVI sec.

  • CHIESA DI S. MARIA DI ROIO
    Di medioevale resta la parte bassa della facciata dei primi anni del XIV sec., portale francese con sagomatura borgognona, rosone di tipo lancianese sproporzionato per la facciata, richiama il Petrini (forse proviene da un distrutto edificio della stessa Lanciano) . All'interno altare marmoreo di Ercole Ferrata.

  • CHIESA DI S. PIETRO DI SASSA
    Edificio degli inizi del XIV sec., portale romanico con rosone incompleto in elementi già rinascimentali.
  • CHIESA DI S. PIETRO DI COPPITO
    Restaurata, medioevale della fine del XIII secolo. Presbiterio in gotico aquilano (tipo S. Giusta-S. Silvestro, vedi), alcuni elementi di derivazione cistercense,navatella di destra del '200 e transetto gotico con absidi costolonate. Campanile ottagono simile a quello che resta in Collemaggio . All'interno affreschi del '300 e del XIV sec.

  • CHIESA DI S. SILVESTRO
    Medioevale, la parte più vecchia é la presbiteriale databile a circa il 1320. Rosone con incorniciatura romanica con elementi della ruota rinascimentali, databile al 1350 circa, sotto, il coevo portale. Altro portale sul lato destro. Interni interamente restaurati nella loro veste medioevale con affreschi degli inizi del '500 di Francesco di Montereale e porta lignea di Francesco da Bergamo.

  • CHIESA DI S. MARCO
    Medioevale della seconda metà del XIII sec., portale laterale del XIV secolo, facciata del XV sec., portale della facciata databile intorno al 1350 quasi uguale a quello di S. Giusta . Il portale laterale romanico presenta un precoce uso dell'arco ogivale . All'interno statua della Pietà.

  • CHIESA DI S. DOMENICO
    Edificio modificato dal Piazzola nel 1712. Tracce trecentesche nelle absidi con affreschi mutili dell'epoca. Dell'edificio medioevale resta il perimetro esterno (anno 1309). Il prospetto del transetto destro richiama modi napoletani e senesi ed include un portale del XIV secolo. Sull'altro prospetto del transetto sinistro, portale dalle ogive accentuate con richiami borgognoni. Il portale del prospetto principale appare invece l'elemento decorativo più tardo, infatti pur romanico denuncia modelli e motivi del '400. Strutture trecentecshe sopravvivono all'esterno dell'abside centrale poligonale.

  • CHIESA DI S. MARIA DI FARFA
    Facciata rimontata da originale della prima metà del XIV sec., unico esempio di cornice terminale. Il rosone, di cui rimane la sola cornice, é sorretto da due angeli di maestro umbro-senese e databile circa alla metà del XIV sec.

  • CHIESA DI S. MARIA DEL SOCCORSO
    Con annesso monastero, ambedue sorti tra il 1469 ed il 1472. Di impianto rinascimentale conserva elementi gotici sparsi (archi ogivali, crociere, finestre acute etc.). Facciata e portale opera di transizione tra romanico-gotico e rinascimento (1492) e così l'interno ed il relativo chiostro.

  • CHIESA DELLA BEATA ANTONIA
    Con annesso convento. Chiesa del 1447-1472, facciata e rosone databili alla metà del '400, il lato del chiostro é adiacente al Palazzo Gaglioffi con portico della fine del XIII sec. e motivi decorativi dei capitelli che echeggiano ancora temi cistercensi. All'interno affresco della Crocifissione con elementi tardo-gotici e rinascimentali, affreschi di Francesco di Montereale, coro ligneo del 1520 con sopra affreschi del 1585 di seguaci del Cesura.

  • CHIESA DI S. BERNARDINO
    Chiesa rinascimentale opera di Cola dell'Amatrice del 1520-1540 (GRI). Con due chiostri interni con capitelli decorati ancora in forme cistercensi. Benché iniziata nel 1457 la chiesa insieme aichiostri utilizza ancora accenni a forme romanico-gotiche che nel chiostro grande solamente appaiono di transizione al rinascimento.

  • CHIESA DI S. CROCE
    Con annesso monastero, era l'unico insediamento cistercense dell'aquilano. In origine doveva essere in forme brogognone ma l'unico elemento originale che resta é una grossa croce a fiordaliso sul fianco, sempre sul fianco portale del '700. Edificio del tutto trasformato nel XVIII sec.
  • PALAZZO GAGLIOFFI
    Trecentesco, incluso nel convento della Beata Antonia.
  • PALAZZO ARDINGHELLI
    Edificato nel 1732-1742 attribuito all'architetto Fontana di Accumoli, a Francesco Fontana figlio di Carlo Fontana o allo stesso Carlo Fontana. L'aspetto comunque rivela un architetto di formazione romana, edificio barocco.

  • PALAZZO CENTI
    Barocco, opera attribuita a Loreto Chicchi di Pescocostanzo databile al 1776.

  • PALAZZO RIVERA
    Barocco, del 1770 con tendenze al barocchetto . Realizzato su disegno di Luigi Filippi.

  • PALAZZO PERSICHETTI
    Barocco, ex palazzo Franchi. Del XVII sec. su disegno del Fuga (ACA).

  • PALAZZO FRANCHI
    Cortile con loggia e portale rinascimentale (AQ) (AQM).

  • PALAZZO BARDIS
    Di stile gotico, si conserva solo la parte terrena con botteghe. Databile tra la fine del XIV secolo e gli inizi del XV.

  • CASTELLO
    Edificato nel 1534-1635, portale d'accesso monumentale attribuito a Salvato Salvati e Pietro di Stefano.

  • TEATRO
    Comunale, tipico esempio di eclettismo ottocentesco (ACA).

  • FONTANA DELLE 99 CANNELLE
    Allo stato attuale probabilmente della metà del '300, per il dicromismo fa pensare a Collemaggio, ma vari elementi richiamano ad una rielaborazione rinascimentale .

L'Aquila: veduta del corso.

Hotel L'Aquila

  • Hotel Amiternum
    67100 L'Aquila (AQ) - Strada Statale 17 Ovest, 1
    0862 315757
  • Sole Hotel****
    67100 L'Aquila (AQ) - Largo Silvestro Dell'Aquila
    0862 22551

Sagre L'Aquila

  • Processioni del Venerdì Santo, pasqua.
  • Perdonanza Celestiana, 23-29 agosto.
  • Come a Betleem, 25 dicembre.
  • Presepe Vivente, 26 dicembre.
  • Mercatino dell'Antiquariato e dell'Artigianato, 2° fine settimana di ogni mese.
  • Fiera dell'Epifania, 5 gennaio.
Autore:

Hotel L'Aquila

 

           
 

Comuni della provincia de L'Aquila