Guida Prata d'Ansidonia

Prata d'Ansidonia

Prata d'Ansidonia sorse tra le rovine dell'antica Peltuino. da cui discende direttamente. Fu municipio, Colonia e Prefettura Romana ai tempi di Augusto. Sotto i Normanni il territorio ove edificato il centro abitato di Prata sarebbe stato dato in feudo ad un tale Sidoni che lo avrebbe chiamato Civita Sidonia.

Il suddetto territorio, destinato in maggior parte a prati, fu successivamente chiamato Prata dei Sidoni e da questo deriverebbe il nome attuale di Prata D'Ansidonia. Nell'interno della chiesa Parrocchiale di Prata del secolo XII. intolata a S. Nicola di Bari. vi un superbo ambone scolpito del 1240. attrattiva di numerosi turisti, specialmente stranieri.

Come arrivare a Prata d'Ansidonia

Itinerari Prata d'Ansidonia

  • CHIESA DI S. PAOLO DI PELTUINUM
    Monastica benedettina, medioevale del XII sec. con elementi preromanici e pisani nel rilevato centrale della facciata. Al posto delle navatelle laterali, archieggiature che ne fanno un edificio a nave unica secondo uno schema rarissimo in questo tipo di chiese e unico in Abruzzo. Materiale di spoglio medioevale e romano. All'interno ambone (oggi nel S. Nicola, vedi) e croce processionale di scuola sulmonese.
  • CHIESA DI S. NICOLA
    Parrocchiale, ricostruita sui resti di precedente fabbrica altomedioevale di cui rimane il fianco destro. All'interno stucchi tardo-barocchi e neoclassici, organo ad armadio, cantoria in legno dipinto, ambone in pietra dal S. Paolo .
  • Chiesa di S. Pietro, nell'interno di Castel Camponeschi.
  • CASTEL CAMPONESCHI
    Castello sul tipo del borgo fortificato. Mura bastionate con torri rettangolari o poligonali ed un tonda. Complesso restaurato, all'interno chiesa di S. Pietro . Struttura del XIV-XV sec. dei Camponeschi con mura, torri (sei bastioni) e porte di accesso. Nella parrocchiale di S. Pietro portale del 1313.
Autore:
           
 

Comuni della provincia de L'Aquila